Ultime recensioni

mercoledì 29 giugno 2016

✎Recensione ▫ La corsa delle onde di Maggie Stiefvater

Salve lettori ☀🌻
Non l'avrei mai detto ma riesco a farvi un'altra recensione a giugno, stento ancora a crederci! Dopo un bel blocco del lettore sono riuscita a riprendere un libro in mano e mi sono lasciata coinvolgere dai pensieri entusiastici di chi ha letto questo libro che non ho potuto ignorare.
Vediamo insieme i dati del libro e la recensione:
❝ La corsa delle onde
di Maggie Stiefvater ❞

Editore:
Rizzoli - Data di uscita: 2012 - Prezzo: 16.50€

Voto: ★ ★ ★ ★

Trama: Succede ogni autunno, sull'isola di Thisby. Dalle gelide acque dell'oceano si spingono a riva i cavalli d'acqua, creature affascinanti e crudeli che gli abitanti catturano per montarli nella Corsa dello Scorpione. Il vincitore guadagnerà fama e denaro, i meno fortunati incontreranno la morte. Ma qualcosa cambia quando alla gara si iscrive Kate Connolly, capelli rossi e tempra di ferro. Kate è determinata a correre con la sua cavalla Dove, sfidando usanze secolari che vogliono solo concorrenti maschi e nessun cavallo ordinario. Certo, non ha molte possibilità contro Scan Kendrick, diciannove anni, il favorito, esperto domatore di cavalli. Nessuno dei due è preparato a ciò che sta per succedere, perché quest'anno la Corsa dello Scorpione non sarà solo questione di gloria e denaro, ma di amore e destino.

Recensione
Una delle primissime cose che salta all'occhio al lettore di questo romanzo è il forte legame tra uomo e cavallo. Un legame che si basa sulla fiducia, rispetto e amore. Perché a differenza delle persone che al primo vento cambiano direzione, per gli animali se conquisti la sua stima la conquisti per sempre.
La storia si svolge all'isola di Thisby che racchiude in se un mondo fatto di antiche tradizioni ma anche di creature magiche dove ogni anno durante la Corsa dello Scorpione gareggiano per vincere il primo posto. I capall uisce sono creature affascinanti e terrificanti allo stesso tempo. Nascono dal mare e sebbene la forma ricordi quella di un cavallo di dimensioni e colore diversi, il loro mondo è quello marino. Il richiamo del mare è talmente forte che solo un buon addestratore che li capisce e sappia come trattarli può cogliere la loro tentazione. Domarli sarà impossibile ma non per uno come Sean Kendrick.
Ho amato il personaggio di Sean Kendrick. Un ragazzo che ama follemente una creatura che potrebbe ucciderlo in un istante. Chiuso, taciturno, di poche parole con il dono di comprendere i sentimenti dei cavalli e in particolar modo del suo capall uisce che brama da sempre di poter rendere suo. In contrapposizione abbiamo Puck, la prima donna che si iscrive, che lotta per tenere unita una famiglia che dopo la morte dei genitori è in procinto di scindersi. Ama la sua isola, la sua cavalla, la sua famiglia. Testarda, orgogliosa e in certi momenti avventata, lei, l'unica persona che cavalcherà un puledro contro orde di capall uisce in un vero e proprio bagno di sangue.
Sean e Puck si avvicineranno, li accumunano molte cose: l'amore per quella terra, qualcosa di così profondo e indescrivibile e di cui si alleeranno insieme per difendere.
Non è una mia recensione se durante la lettura ci sono cose che non mi sono piaciute.
  1. La narrazione copre il tempo dell'addestramento prima della gara e ne sono rimasta un po delusa. Dato che l'autrice ha narrato così minuziosamente l'isola con i suoi protagonisti mi aspettavo che la gara ricoprisse all'interno del romanzo molti capitoli ed invece sul mio kindle è iniziata a circa il 95%. Un gran peccato.
  2. Non mi è piaciuto al 100% il finale. Ho trovato che l'autrice abbia lasciato parecchi punti interrogativi che con un epilogo finale poteva benissimo rispondere. Io non amo si lasciano questioni in sospeso, mi piace che ogni persona abbia un fine raggiunto con un bel punto davanti.
post signature

17 commenti:

  1. Oddio l'hai leeeeeeetto <3 sono contenta che ti sia piaciuto.
    Anch'io pensavo che la gara avrebbe ricoperto buona parte del libro però mi è piaciuto che sia stato dato più spazio al resto anche perchè alla fine la gara non dura molto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si la gara non dura molto a conti fatti, anche se, come detto, anche il dopo gara più lunghetto non mi sarebbe dispiaciuto!

      Elimina
  2. Sono iper curiosa adesso *_* Anche se ho già una lista stilasta di acquisti, penso che lo aggiungerò lo stesso XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me potrebbe proprio piacerti, conoscendo le tue letture *^*

      Elimina
  3. Questo libro l'ho amato **
    Però, come te il finale non mi ha convinto tantissimo e.e

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sarebbe tanto piaciuto un epilogo *^*

      Elimina
  4. io VENERO questo libro. Meraviglioso!
    E' vero, il finale aperto può piacere e non piacere. A me non è dispiaciuto. Certo, se ci fossero state altre 433534 pagine le avrei lette con piacere *w*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. IO odio i finali aperti, anche se ci scappa il morto devo sapere per bene come finisce. In effetti anche uno spin-off, magari con il figlio/a di Corr e Dove, perché dai, secondo me ci sta ;D

      Elimina
  5. Come ti avevo detto, sono contenta che ti sia piaciuto, però a me non ispira molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ero dubbiosa ma poi mi sono ricreduta, avrei dovuto leggere tanto tempo fa!

      Elimina
  6. Ciao!!!
    Ho letto questo libro parecchi anni fa... non so se avendo ora un'età diversa avrei lo stesso parere, ma ricordo che mi piacque moltissimo!!
    è stata davvero una bellissima lettura e sono felice sia piaciuta anche a te!! ^_^ ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una cosa bella dei libri è che non passano mai di moda, quindi anche se di anni fa sono sempre attuali :)

      Elimina
    2. Hai proprio ragione!
      Sono storie che non passano mai di moda!! :) :) :)

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Questo e' un libro che mi sono lasciata indietro, prima era in lista poi per la mole di nuove uscite l'ho tolto, non so forse non era il momento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho iniziato in un momento in cui non mi andava a genio proprio niente e adesso mi è ritornata voglia di leggere.. ci sono quei libri che non ti aspetti di leggere e poi si rivelano delle grandi sorprese!

      Elimina
  9. Complimenti per la recensione :) Io ho letto questo libro tempo fa e mi era piaciuto davvero tanto, ma c'è anche da dire che l'autrice non mi fa impazzire, leggo i suoi libri perché mi piacciono le sue idee, ma non mi soddisfano mai del tutto. Ma con questo è stato diverso, mi è davvero piaciuto. Anche se sulla gara sono d'accordo con te, effettivamente le dedica poco spazio :)

    RispondiElimina