Ultime recensioni

mercoledì 20 giugno 2018

#64 W...W...W... Wednesdays

Ciao lettori 😍
Nuovo appuntamento con il WWW, la rubrica delle letture 📚 di seguito vi mostro le mie letture della settimana, che vanno da mercoledì a mercoledì. Si tratta di: quella in corso, conclusa e futura. Se volete potete lasciarmi i link di vostri post (mi fa piacere dare un'occhiata anche alle vostre) o basterà commentare qui sotto 😉

Cosa stai leggendo?






Ink 
di Alice Broadway
Ho letto solo il primo capitolo e devo dire che sembra molto interessante. Lo stile narrativo è particolare, non so cosa aspettarmi ed è sicuramente un punto a favore. Non vedo l'ora di continuare per sapere se mi conquisterà.








Quale libro hai appena finito di leggere?
The gift di Rebecca Daniels
The dream di Rebecca Daniels
La scorsa settimana ho finito di leggere i primi due libri della serie dedicata a Katie Corfield: The gift & The dream. Il primo romanzo sotto il lato sovrannaturale l'ho trovato interessante ma a livello di trama ho trovato dei buchi che potevano essere colmati, se vi interessa potete leggere qui la recensione. Con il secondo ho notato un netto miglioramento della storia, per nulla prevedibile mettendo in campo personaggi che sicuramente vedremo nel terzo capitolo, tutto ciò mi crea una certa curiosità. Ancora non ho scritto la recensione ma spero di scriverla a breve! P.S. Solo io penso che queste cover sono bellissime?! E poi sono molto azzeccate!


Quale sarà la tua prossima lettura?






Il sognatore
di Laini Taylor
Di questa lettura vi dico solo una cosa: è possibile che ci sarà un evento in merito all'uscita del libro, se la notizia ha stuzzicato la vostra curiosità tenete d'occhio il blog la prima settimana di luglio!

martedì 19 giugno 2018

✎Recensione ▫ L'incastro (im)perfetto di Colleen Hoover

Ciao lettori, come state?
Ieri ho pubblicato un sondaggio per chiedervi quale tra le letture del 2018 che non avevo ancora recensito desideravate una mia opinione e leggendo le vostre risposte il libro della Hoover ha ottenuto più voti. Ci credete che scrivendo la recensione io abbia abbassato il voto?! Ebbene si, facendo passare dei mesi non sempre il nostro giudizio rimane lo stesso.. sono stata un po' acidella, lo ammetto.

L'incastro (im)perfetto di Colleen Hoover
SERIE: AUTOCONCLUSIVO
Titolo: L'incastro (im)perfetto
Autore: Colleen Hoover
Editore: Leggereditore
Prezzo: 12.90€
Data di uscita: 24 Settembre 2015
Voto:
TRAMA:
Quando Tate e Miles si incontrano tra loro è subito evidente una forte attrazione, ma nessuno dei due è pronto per qualcosa di più e così fanno un patto: diventare "amici di letto", niente sentimenti e niente coinvolgimento. Ma si può veramente restare distaccati? Si può evitare di farsi coinvolgere? Man mano che il tempo passa il loro legame cambia, ma Miles porta dentro di se un segreto che ancora non riesce ad affrontare... Riuscirà Miles ad amare ancora? Riusciranno Tate e Miles ha trovare la loro strada insieme?


Recensione
Se c'è una cosa che ho imparato dalla Hoover è che quando si lascia prendere troppo la mano combina solo disastri, basta ripensare al secondo volume della serie 'Slammed', Tutto ciò che sappiano di noi due. Solo chi lo ha letto può capire quanto il seguito non abbia per nulla arricchito la storia ma abbia inserito cliché al fine di creare situazioni tragiche che peccano di credibilità.
L'incastro (im)perfetto si legge bene, sappiamo tutti che lo stile narrativo della Hoover è il suo grande punto di forza, ma sapete cosa manca? Un attaccamento ai personaggi. Non riesci ad affezionarti a Tate e Miles come coppia, a tifare per loro, struggerti o sorridere perché manca l'evoluzione del loro amore. Non senti crescere tra loro un sentimento che va dal rispetto, fiducia e complicità da farti capire quanto i due siano innamorati, c'è solo tanta, tanta attrazione fisica che non basta. La respinge, la avvicina, poi la respinge di nuovo. Miles la desidera alle sue condizioni, finendo spesso per spezzarle il cuore senza una ragione precisa. Sono stata spesso a chiedermi perché Tate insistesse tanto, perché lo amasse, visto che la comunicazione tra loro era assente. E se da una parte i capitoli del presente di Tate non riuscivano a coinvolgermi diversamente è successo con Miles e i capitoli del suo passato. Ve lo confesso, ho amato più i flashback, ho sofferto più per il suo primo amore che per la coppia principale. Sapete perché? Perché è costruita meglio. Perché mi ha regalato delle emozioni, perché percepivo qualcosa. Poi è arrivata Colleen e giustamente toglie di mezzo il personaggio con una delle mosse più ridicole e nosense che io abbia letto.
Per concludere: non è scattata la scintilla, lo consiglio a chi non cerca storie profonde o un amore che cresce lento tra le pagine.