Ultime recensioni

venerdì 22 luglio 2016

✎Recensione ▫ Il problema è che ti amo di Jennifer L. Armentrout

Gioooorno lettori!
Come sempre sparisco improvvisamente dalla blogosfera. No, non mi hanno rapita gli alieni. Più che altro sono le serie tv (altra mia grandissima passione) che mi prendono a tal punto che ne divento ossessionata fino a che non mi finisco di vedere tutte le puntate uscite. Se mi seguite su facebook (e se non lo fate, nella barra laterale trovate il bottone) sapete che avevo pubblicato un video trovato casualmente su youtube (sia santificato youtube) su una coppia M/M che in solo pochi minuti mi aveva letteralmente messa al tappeto. Così, ho deciso di iniziare la serie solo per loro due per poi scoprirmi interessata alla storia in generale. Mi sono anche guardata la terza stagione senza sottotitoli perché non potevo rimanere col dubbio e perdermi le scene tra Jude e Zero. Che qualcuno si occupi dei sottotitoli e mi regali una gioia. P.S. Il telefilm di chiama Hit the floor.
Dato che ero talmente presa dalla serie ho trascurato ogni cosa: recensioni, sondaggi, letture ecc.. così oggi ritorno tra di voi in grande stile. Una recensione di un romanzo che mi è piaciuto particolarmente nonostante un po di pecche qua e là. Ora passo direttamente ai dati del libro e alla recensione che sto andando troppo off topic:
❝ Il problema è che ti amo
di Jennifer L. Armentrout ❞

Editore:
Editrice Nord - Data di uscita: 7 Luglio 2016  - Prezzo: 16.00€

Voto: ★ ★ ★ ★

Trama: Per quattro anni, Mallory Dodge ha cercato di dimenticare il passato. Circondata dall'affetto dei nuovi genitori adottivi, ha cercato di convincersi di non avere più bisogno di rendersi invisibile per sopravvivere. Ma, nonostante ciò, il silenzio è ancora lo scudo che la isola e la protegge dal mondo. Ecco perché era terrorizzata all'idea di frequentare l'ultimo anno di liceo in una scuola pubblica, dove sarebbe stata costretta a uscire dal guscio. E di certo non si sarebbe mai immaginata che tra i suoi nuovi compagni ci sarebbe stato anche Rider Stark, l'unico raggio di sole nella sua infanzia da incubo, il ragazzo che in più di un'occasione l'aveva salvata dalla violenza del padre affidatario. Così come non si aspettava che Rider sarebbe stato così diverso… e affascinante. Col suo atteggiamento arrogante e la pessima reputazione, Rider è il classico soggetto da cui una brava ragazza come Mallory dovrebbe stare alla larga. Eppure, sotto quella maschera da sbruffone, lei riconosce ancora il suo eroe di un tempo, sempre pronto a difenderla. Ma il tempo trascorso lontano da Mallory ha lasciato profonde cicatrici nel cuore di Rider, che rischia sempre di più di restare invischiato in una rete di cattive compagnie. Così, quando sarà Rider ad avere bisogno di lei, Mallory riuscirà a far sentire la propria voce e a battersi per il ragazzo che ama, o la paura la farà tacere per sempre?

Recensione
Una delle cose che ti colpiscono a livello emotivo è l'infanzia di Rider e Mallory. Gli orfani che vengono assegnati alle case famiglie non passano mai una vita facile. Non è solo il fatto di aver perso la propria famiglia (o spesso è quella stessa famiglia che non ti desiderava) ma sono le persone che accolgono questi bambini di cui bisogna preoccuparsi. Subiscono spesso degli abusi che possono andare dai maltrattamenti emotivi o fisici infliggendo al bambino un dolore tale che si trascinerà per il resto della vita. Questa storia mi ha toccata molto, spesso si legge di episodi in cui adulti molestano bambini suggestionando la loro mente perché soli e senza qualcuno che li possa proteggere. Ho veramente apprezzato che Jennifer abbia portato alla luce una realtà come questa che spesso viene ignorata.
L'autrice ha uno stile semplice che ti facilità molto la lettura ed è sicuramente uno dei suoi punti forti. Il problema è che ti amo è un romanzo che parla di seconde occasioni, rinascita e amore. La famiglia spesso non è quella di sangue ma quella che ci accoglie e ci vuole bene senza un secondo fine.
Una delle pecche che però devo far notare è l'insistenza della protagonista. Il lettore comprende il suo passato e sicuramente non può non stare al suo fianco ma spesso queste sue paure ed insicurezze vengono ripetute quasi fino allo sfinimento allugando il brodo. Per quanto mi riguarda il romanzo dava lo stesso risultato accorciandone la lunghezza.
In conclusione, lo reputo un buon libro nonostante le sue pecche. Rider sicuramente è il personaggio che ti colpisce di più. E' quello più emotivamente bloccato. Non è il classico bad boy ma ha un cuore d'oro che emerge durante la lettura provando per lui tanta tenerezza. Io consiglio il libro solo per lui, perché a parer mio è il personaggio più riuscito. I suoi problemi, le sue insicurezze, anche se dal punto di vista di Mallory è Rider quello per cui provi più affetto e vicinanza.

post signature

13 commenti:

  1. Non vedo l'ora di leggerlo, l'ho appena comprato in eBook:D Sto poi leggendo pareri positivi un po' ovunque, quindi credo che sarà proprio una bella lettura estiva:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di leggere la tua recensione, sono curiosa di sapere se la pensiamo allo stesso modo!

      Elimina
  2. Non vedo l'ora di leggerlo anche io... basta ho deciso me lo devo autoregalare prima possibile! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhahahahahaha tanto ormai noi ci autoregaliamo tutto ;D

      Elimina
  3. Ciao Jessica,
    io adoro la Armentrout quindi devo leggere al più presto questo libro, soprattutto dopo la tua bella recensione

    RispondiElimina
  4. Non ho mai letto nulla di YA della Armentrout perchè gli altri suoi libri sul genere non mi ispiravano ma questo si e spero di leggerlo presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pensiamo quasi sempre allo stesso modo e sarò curiosa di leggere la tua recensione!

      Elimina
  5. Una splendida recensione, bravissima! Sembra davvero un bel libro. Non ho ancora mai letto nulla della Armentrout però, sebbene a casa ho ancora da iniziare Obsidian!
    A presto!
    Roby

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio <3 Obsidian mi era piaciuto molto e devo finire la serie, gli altri suoi libri non mi avevano convinta ma questo l'ho adorato anche con i problemi citati sopra ;D

      Elimina
  6. Ho adorato questo romanzo, finalmente UNA GIOIA! Zia Armentrout riesce in tutto, ormai non mi stupisco più :3

    ps. Adoooro questa grafica, inculcami un po' del tuo sapere bloggeroso(?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAHHAHAHAHAH anche per me è stata una gioia inaspettata!
      Grazieeee <3 presto farò un altro post tutorial per altre cose per voi, stay tuned!

      Elimina
  7. Ciao Jessi! La Armentrout per me è una garanzia, leggo qualsiasi cosa porti la sua firma e presto mi butterò anche in questa lettura *-*

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...