Ultime recensioni

lunedì 16 ottobre 2017

Risultati sondaggi ♦ cover di Settembre + Nominations di Ottobre

Buon giorno lettori🍵🍪
Come mio solito riesco a darvi i risultati dei sondaggi precedenti con grande ritardo, ormai sapete che io con questa rubrica non faccio mai a rispettare i tempi. Di seguito vi lascio i risultati e vi ricordo che potete suggerire anche voi le cover da inserire nei sondaggi, le categorie sono:
- COVER STRANIERE;
- COVER ITALIANE;
- COVER HOT;
Ricordate che le cover da proporre siano del mese di ottobre, per il resto aspetto candidature a non finire ;D


Miglior cover italiana
Una scrittrice troppo bugiarda di Eveline Durand


Miglior cover straniera
Black bird of the gallows di Meg Cassel


Miglior cover hot
We own tonight di Corinne Michaels

venerdì 13 ottobre 2017

5 Cose che... | 5 cose che mi terrorizzano

Ciao lettori!
Diciamo che dovrei essere più attiva con questa rubrica ma tra impegni o argomenti di cui non riesco mai a fare una TOP5 finisce sempre che partecipo di rado e la cosa mi rattrista abbastanza. L'argomento di oggi doveva essere un altro ma Sonia ha avuto la brillante idea di proporre un argomento da brivido, 5 cose che ci terrorizzano vista la data di oggi, venerdì 13. Sarò il più onesta con voi, non è facile dare voce alle proprie paure perché o ci si sente imbarazzati o si ha paura che dopo averle messe su carta quelle subdolamente possano succedere.. pregate con me che non mi succeda nulla 😂😱


1 - Gli insetti che volano, tutti nessuno escluso, il podio lo raggiunge la cavalletta
E' più forte di me, vedo una cavalletta e mi sale il terrore, il prurito, l'angoscia, la totale disperazione. Quando sto in mezzo alla natura ho sempre la paura di essere assalita da un insetto, passare una notte in campeggio mi riempe sempre di ansia, ho sempre il timore di avere un insetto attacco alla maglia, sui pantaloni, tra i capelli, non ce la faccio, ho paura.

2 - La paura dei buchi, la tripofobia
Avete presente quelle immagini dove ci stanno buchi, tipo un alveare o robe simili?! Ecco, quella sono io. Appena vedo qualcosa con un buco mi assale un brivido sulla testa e mi immagino di avere buchi su tutto il corpo, sto male mentalmente, mi viene da grattarmi in continuazione, non ce la faccio, non posso vedere certe cose. 

3 - CAMMINARE DA SOLA AL BUIO
Dovete sapere che io abito in un piccolo borgo e la sera non c'è anima viva, sembra di essere in un cimitero, non si sente volare la mosca. Quando torno a casa in treno d'inverno la stazione è quasi sempre al buio e mi tocca attivare la torcia del cellulare per avere un po di luce o quando cammino per tornare a casa a notte inoltrata ho sempre il timore che qualcuno mi segua e visti i fatti di cronaca recente non è che mi senta più tranquillizzata.

4 - STARE A CASA DA SOLA LA NOTTE 
Se c'è una cosa che mi mette un po di ansia è di dover essere a casa, da sola, la notte. Ogni minimo rumore per me è sintomo che non sono da sola a casa, che è entrato un ladro o altro. Mi giro dal lato del letto opposto alla porta perché ho sempre paura che se apro gli occhi ci possa essere qualcuno appoggiato che mi osserva mentre dormo. Mi tengo perfino la pipì perché non voglio andare giù, sono pessima, lo so AHAHAH

5 - Andare al Luna Park e salire sulle giostre
Vedete le montagne russe, quei cosi che salgono in alto e scendono di botto, le giostre che vanno veloci avanti e indietro? Le vedete bene? Non chiedetemi di salirci perché non ci vado, stop. Io non ci salgo su quegli aggeggi infernali, e se poi succede qualcosa, che so c'è un corto circuito il seggiolino si stacca e mi spiaccico per terra?! MA ANCHE NO, GRAZIE. Il mio massimo è salire nell'attrazione degli specchi, basta, lì inizia e finisce il mio divertimento.


Qual'è invece la vostra TOP 5? Lasciate qui sotto il link 
che manda alla vostra pagina blog così che io possa passare da voi!

giovedì 12 ottobre 2017

✎Recensione ▫ WOLF 2. Il giorno della vendetta di Ryan Graudin

Ciao lettori ✌
Dovevo pubblicarvi ieri questa recensione ma ero troppo presa da Ignite me e dalle serie tv che ho deciso di slittarla ad oggi, sorry 😥Ecco qui per voi la recensione chilometrica di Wolf, spero vi piaccia 😂💓

❝ WOLF 2. Il giorno della vendetta di Ryan Graudin ❞
WOLF BY WOLF #2
Editore: DeA Young Adult
Data di uscita: 6 Giugno 2017
Prezzo: 14.90€

Voto:  5.0/5.0

Trama: Ãˆ il 1956 e il mondo è in fermento: dopo decenni di dominio assoluto, Hitler è stato assassinato e la Resistenza è pronta a prendere le armi. A innescare la scintilla è stata Yael, la ragazza dagli straordinari poteri mutaforma, miracolosamente sopravvissuta al campo di concentramento. È solo grazie al suo coraggio se il Nuovo Ordine ha le ore contate. O almeno così tutti credono. Ma la verità è molto più complicata di come appare, e le conseguenze di quanto è accaduto sono devastanti. Ora Yael è in fuga in territorio nemico. Non è sola, però. Insieme a lei ci sono Luka e Felix, i due ragazzi che ha dovuto tradire per portare a termine la sua missione e che adesso vuole proteggere a ogni costo. Ed è nel bel mezzo del caos che il passato e il futuro di Yael si scontrano, obbligandola a fare i conti con i propri sentimenti. Odio e amore, vendetta e perdono. Scegliere non è facile, soprattutto quando sul piatto della bilancia ci sono da un lato il destino del mondo intero e dall’altro la vita di chi ama. Quale sarà la scelta di Yael? Vita o morte?


RECENSIONE
Il giorno della vendetta è il volume conclusivo della duologia distopica Wolf by Wolf che vedeva in un universo alternativo la vittoria della Germania nella seconda guerra mondiale con conseguenze devastanti su chi non rappresentava la perfezione della razza ariana. Nel primo volume eravamo rimasti con l'uccisione del falso Hitler, un mutapelle come Yael, lo sgomento di non aver adempiuto alla sua missione e la Resistenza in azione per ribaltare le sorti e riconquistare l'indipendenza. Questo secondo volume vede protagonista non solo Yael ma anche i due partecipanti del Tour dell'Asse, Luka e Felix. I capitoli si alterneranno con i punti di vista di tutti e tre scavando questa volta nel passato dei due ragazzi, che servirà a farci comprendere al meglio i personaggi di oggi. Il protagonista assoluto è stato Luka, lui è quello che ha subito una vera evoluzione, è quello che durante il viaggio per tornare in Germania si è spogliato di ogni sua maschera, come se strato dopo strato riuscissimo a vederlo davvero, non quel ragazzo sfrontato accanto alla sua Zündapp e doppio vincitore del Tour dell'Asse, ma qualcuno che ha sempre sofferto dell'indifferenza e della crudeltà del padre pronto a combattere per un futuro migliore. Diverso è stato Felix, che mi ha sorprendentemente delusa, più e più volte. Nel volume precedente ammiravo questo intenso amore fraterno, questo desiderio di proteggere la sorella ma qui era una continua lagna e costante palla al piede anche se sotto sotto non è difficile comprendere le sue scelte, in un mondo in cui non c'è più libertà e si vive costantemente in uno stato di violenza si cerca di tenere al sicuro le persone che amiamo. Non potevo dimenticarmi di Yael che per me rappresenta una delle migliori eroine di genere distopico. E' forte ma fragile allo stesso tempo, anche quando sembra tutto perduto sceglie di non arrendersi, per la sua libertà e di chi combatte per averla.
La trama ha saputo conquistarmi come nel libro precedente anche se qui l'azione è arrivata a sprazzi, un po dovuto alle dinamiche della storia. I nostri protagonisti dovevano tornare al quartier generale della Resistenza e ideare un nuovo piano per uccidere questa volta il vero Hitler, per farlo dovevano rimanere nascosti e affrontare il freddo, la fame, le ferite.
Una cosa in cui l'autrice è stata brava è il tenere viva la curiosità su Hitler e del suo doppione, pensavo che la verità sarebbe stata scontata, poi ha rimescolato di nuovo le carte in tavola e ha messo in dubbio le mie teorie, questo giocare ha tenuto vivo l'interesse, anche quando la storia sembra banale bisogna sempre tenere il lettore incollato alle pagine.
Non voglio scendere troppo nei dettagli nel finale, però posso dirvi a mente lucida che era l'unica scelta possibile, sarà sofferta, sia chiaro, ma per raggiungere quel filo di speranza bisognava lanciare un messaggio forte, un discorso che potesse arrivare a tutto al mondo e segnalare le atrocità compiute dal regime nazista.
Lo consiglio? Ma che da chiederlo?! Ovvio che si! Se c'è una cosa che mi piace dei romanzi è il 'E se..?', è uno di quei generi di libri che ti fanno riflettere, che ti smuovono qualcosa dentro, che ti toccano il cuore, ti fanno provare emozioni di ogni genere, dal dolore alla speranza, Wolf per me ha regalato tutto questo, quindi non posso proprio sconsigliarvelo!