Ultime Recensioni

sabato 20 gennaio 2018

#100 Covers challenge #italiane ♦ Gennaio -Sondaggio-

Buon giorno lettori ❤
Ci credete che questo è il centesimo post della rubrica?! Ho fatto cento post sulle cover, allucinante! Da una parte sono contenta di non aver abbandonato la rubrica, so che a molti piacere curiosare, andarsi a leggere le trame e magari aggiungere i libri in wishlist! La regola è la solita, votare la vostra preferita nel form qui sotto 😉



venerdì 19 gennaio 2018

5 Cose che... | 5 classici che mi vergogno di non aver ancora letto

Ciao lettori 🌞🌼
L'argomento della settimana mi ha messa subito in crisi. Non sono una grande lettrice di classici e trovarne cinque che desidero davvero recuperare e che ancora non l'ho fatto è stata un'impresa. Ho ripescato dalla memoria qualche titolo che mi aveva incuriosita dopo aver letto la trama o la trasposizione cinematografica, scopriamo insieme la mia TOP5:


1 - suite francese DI Irène Némirovsky
Questa lettura mi aveva messo curiosità fin dalla visione del trailer del film, che ancora non ho visto. Non so quindi se vedermi prima il film o leggere il romanzo, sto indecisa. 

T  R  A  M  A
In un paesino della campagna francese la giovane Lucile, sposa per volere del padre, e la suocera Angellier attendono di ricevere notizie da Gaston che è partito per il fronte. E quando nella loro casa verrà acquartierato Bruno, ufficiale dell’esercito tedesco, i rapporti fra le due donne diventeranno ancora più tesi. La scintilla tra i due ragazzi scocca ben presto, ma la necessità di reprimere e soffocare il desiderio diventa quasi impossibile da sostenere… Ultimo capolavoro della Némirovsky, il libro fu pubblicato in Francia solo molti anni dopo la sua morte e ha permesso al grande pubblico internazionale di conoscere l’opera della grande scrittrice.

2 - Persuasione di Jane Austen
Questo volume stazione da mesi nella mia libreria. Dopo aver letto due romanzi dell'autrice, questo era quello che a livello di trama sembrava interessante, solo che non l'ho ancora iniziato. Sono quasi tentata di creare un gruppo di lettura... c'è qualcuno che è interessato ad unirsi? 😎

T  R  A  M  A
Anne Elliot, la protagonista del romanzo, ha sbagliato: da giovanissima, appena diciannovenne, si è lasciata convincere dall’opposizione del padre, Sir Walter, e dalla "persuasione” di Lady Russell a rompere il fidanzamento col giovanissimo ufficiale di marina Frederick Wentworth, amatissimo ma non ricco. Adesso, a ventisette anni, Anne è sola; per di più le sorti economiche della sua famiglia hanno subito un rovescio e il padre è stato costretto a dare in affitto la propria tenuta all’ammiraglio Croft. Ma un giorno l’ammiraglio riceve la visita del proprio cognato, un affermato e facoltoso capitano di marina: è Frederick, e questa volta, otto anni dopo, Anne ha la sua seconda occasione. Ultimo e più maturo romanzo della Austen, Persuasione contiene un impareggiabile ritratto della provincia inglese d’inizio Ottocento e, attraverso la contrastata vicenda della protagonista, una intensa polemica antiaristocratica.

3 - Madame Bovary di Gustave Flaubert
Madame Bovary è quel romanzo che ti attira solo per "oltraggio alla morale". Non so perché ma quei romanzi che nell'epoca in cui furono pubblicati vennero visti come scandalosi finiscono per farti desiderare conoscerne il motivo.

T  R  A  M  A
Madame Bovary è il primo romanzo di Gustave Flaubert. Appena pubblicato fu messo sotto inchiesta per "oltraggio alla morale", ma grazie all'assoluzione del 7 febbraio 1857 potè essere distribuito e divenne in breve tempo un bestseller. Oggi è considerato uno dei primi e più riusciti esempi di romanzo realista. In questo libro Flaubert, che era un perfezionista della scrittura e si faceva vanto di essere alla perenne ricerca "de le mot juste" (la parola giusta), raggiunge un livello straordinario nei dettagli e nell'elaborazione di raffinati schemi nascosti. Il libro tratta dell'inconciliabilità di realtà e fantasia, della distanza incolmabile tra sogni e vita quotidiana. Tutto ruota intorno alla moglie di un modesto ufficiale sanitario, la signora Emma Bovary che, educata in convento, ha nutrito la propria immaginazione e sensibilità con numerose letture, e confida di realizzare i propri sogni romanzeschi attraverso il matrimonio. Ben presto, però, Emma resterà delusa dalla noia e dalla vacuità della vita di provincia, e tenterà di sottrarvisi dandosi all'adulterio e vivendo al di sopra dei propri mezzi. Le vicende narrate si ispirano a fatti realmente accaduti a una giovane donna, Delphine Delamare.

4 - Dracula di Bram Stoker
Quando una si legge tutti i libri sui vampiri e si lascia il romanzo per eccellenza, si può perdonare?! Tra l'altro ricordo che nel 2013 era uscita una serie tv dedicata e me ne ero completamente innamorata (Non grazie a Jonathan Rhys-Meyer, ci mancherebbe 😜😎😏) da desiderare di leggere il romanzo (la storia era diversa è, non aveva nulla a che fare con l'originale) ma poi l'ho accantonata quando la serie è stata cancellata.

T  R  A  M  A
Mi stava vicino, lo vedevo da sopra la spalla, ma nello specchio non si rifletteva! In Transilvania per concludere la vendita di una casa londinese al Conte Dracula, discendente di un'antichissima casata locale, il giovane agente immobiliare Jonathan Harker scopre che il suo cliente è una creatura di mistero e orrore... Dracula, archetipo delle infinite storie di vampiri narrate dalla letteratura e dal cinema, mette in scena l'eterna lotta tra il Bene e il Male, ma anche tra la ragione e l'istinto, tra le pulsioni più inconfessabili e il perbenismo non solo vittoriano. Una storia scaturita dall'inconscio ed entrata in tutti i nostri incubi.



5 - La lettera scarlatta di Nathaniel Hawthorne
Questo è un altro romanzo che mi aveva incuriosito dalla trama ma che poi non ho avuto modo di leggere finendo nel dimenticatoio. Se non erro era uscito un film con Emma Stone ispirato al libro.

T  R  A  M  A
La giovane Ester Prynne, condannata per adulterio nella puritana Boston, sarà costretta a portare per sempre sul seno una fiammeggiante, scarlatta, lettera «A» (A come adulterio? Come Arte? Come America?), da lei stessa ricamata. Ester non ha mai voluto rivelare il nome del suo “complice” che infine – lacerato tra ansia di schiettezza e orgoglio, e perseguitato dal marito della giovane – cederà, confessando la sua colpa. La lettera scarlatta, libro che rese celebre il nome di Nathaniel Hawthorne, è un mirabile esempio di fusione perfettamente riuscita tra sviluppo tematico-narrativo, delineazione dei personaggi e procedimenti linguistico-stilistici. Hawthorne fa di Ester un personaggio esemplare: mostrando, da un lato, una compartecipazione profonda, ma soffermandosi, dall’altro, in un pensoso e drammatico indugio di fronte alla sua “colpa”, pur condannando l’implacabilità puritana e la violenza moralistico-sociale di cui è vittima.


Qual'è invece la vostra TOP 5? Lasciate qui sotto il link 
che manda alla vostra pagina blog così che io possa passare da voi!