Ultime recensioni

giovedì 12 marzo 2015

Segnalazione+Recensione: Keep Waiting di Tessa M. Salice

Keep Waiting #1
Titolo: Keep Waiting
Autore: Tessa M. Salice
Editore:
Autopubblicato con Youcanprint self-publishing e Amazon Kindle  
Prezzo: 0.99 € ACQUISTA ORA
Data di uscita: Non pervenuta
BookTrailer: Link 1 - Link 2
Sito: http://www.tessamsalice.com/
Trama: Quando due esseri alati si scontrano, Nina è l’unica a poterli vedere.
Chi sono i Veglianti, i misteriosi viaggiatori in grado di trascendere il tempo e lo spazio? E perché quegli esseri chiamati Unseelie le danno la caccia?
Le ombre di un passato a lei sconosciuto e i pericoli di un futuro incerto, non le impediscono di lottare per conquistare un amore perduto e ritrovato, quello per Allan, disposto a tutto pur di difenderla.
Perché nulla, quando viaggia nel tempo, è come sembra. Tutto può cambiare.

 

Non era nel mio programma di leggere questo libro. Quando ho ricevuto l'e-mail di Tessa ero rimasta sorpresa della sua richiesta e pronta a mettermi in gioco.
Prima volta in assoluto nel cimentarmi con un libro autopubblicato e quindi senza l'appoggio di una CE.
Il libro è stata una sorpresa. Tessa (ormai io e te siamo in confidenza) è una scrittrice italiana che ha sfruttato la bellezza nostrana, descrivendola in tutte le sue vie, statue, monumenti, affascinando il lettore dando il giusto tributo alla nostra bellezza artistica. Raramente i libri di autrici italiane sono ambientati da noi, invece lei nonostante i salti temporali dei protagonisti ha comunque tenuto come base principale l'Italia. Tanto di cappello.
La nostra storia vede come protagonista Nina, ragazza di vent'anni che vive una vita tranquilla con nonno Dante, alle prese con le tesi dell'università, fino a che un giorno, in piazza al Duomo le capita di assistere ad uno scontro irreale: due esseri alati - uno con le ali bianche e l'altro nere - che lottano a colpi di spada. Ciò che la spaventa è che sembra l'unica a vederli, fino a che uno dei due esseri, che scoprirà poi chiamarsi Ethan non le rivela un fatto scioccante: E' un Vagliante, protettore degli esseri umani, un essere che ha la facoltà di viaggiare nel tempo per uccidere o redimere gli Unseliee, esseri crudeli nati da Lilith e da creature demoniache. Ciò che poi le dice successivamente la butta nella più totale confusione. Nina è una Vagliante, anche lei quindi è nata per essere una "guerriera", tenuta all'oscuro della sua natura e fatta crescere come un'essere umano perchè la madre, scomparsa ormai da tempo, ha deciso che era l'unica maniera di proteggerla.
Nina quindi sentirà che è tempo di scegliere da sola le sue scelte e di rispettare la sua natura.
Quello che non pensava era di incrociare il cammino di Allan, un altro Vagliante ma che in una qualche maniera sembra conoscerla e allo stesso tempo tenerla a distanza.

<< Desidereresti rinunciare a questo momento? >> le sue mani risalivano dalle spalle al mio viso, accarezzandomi. << Farò in modo di mantenere le distanze, desiderarti mentre non sono osservato. Ti salverò, anche a costo di dannarmi.>> Mi alzò il mento con due dita. << Non sai da quanto tempo ti aspetto >>.
Questo sarà uno dei tanti misteri nel libro, perchè ci sono strane creature che la vogliono morta e altre che tenteranno di proteggerla.
Per i suoi amici, l'unica maniera di salvare Nina sarà quello di impedirle di viaggiare perchè se solo proverà si condannerà da sola ad una fine tragica.
Il libro quindi presenta degli spazi temporali, siamo infatti catapulati in varie epoche o sballottolati in altri continenti. Mi piacciono i libri che presentano viaggi nel tempo, specialmente quando si va nel passato.
L'autrice ha anche studiato la mitologia e ha saputo quindi descrivere una storia conscia di ciò che narrava. Ci sono però delle considerazioni che voglio fare:
1 - Il comportamento di Nina era un clichè dietro l'altro. Se da una parte cercava di fare la coraggiosa in realtà il suo era un castello costruito con le carte che veniva spazzato via con vento in sol colpo. Spesso e volentieri Nina doveva essere la Donzella in pericolo, vuoi perchè era necessario e vuoi perchè era lei a volerlo essere. Un bel po di volte ho storto il naso. Avrei preferito una Nina più combattiva, una Celaena Sadorthien del Ventunesimo Secolo!
2 - Quando la protagonista era insieme ad una persona al suo fianco, come ad esempio Allan, gli veniva affibbiato il nome di "ragazzo" come se non sapessi con chi era lei in realtà. Avrei preferito che si riferisse a lui con un pronome piuttosto che leggere "ragazzo". Stessa cosa quando Allan era con Amelia, o la chiamava per nome o Eartiana, con il nome della sua stirpe, come se fosse una "entità" nuova appena annunciata nel romanzo.
3 - I continui abbracci. Tra tutti era un continuo stringersi tra di loro, specialmente Nina nonostante conoscesse da poco sia Ethan che Allan, si scopriva spesso e volontieri avvinghiata a loro due. Molte volte mi scoprivo a pensare: "Chiamala scema!" xD
Non per ultimo, voglio dire che il libro è scritto si, con il punto di vista di Nina, ma l'autrice ha deciso di regalarci dei Pov di Allan, che ci hanno descritto il suo tormento, il suo amore struggente nei confronti di Nina, un amore che trascende i secoli e che è disposto a dimenticare pur di proteggerla.
Il libro è una serie composta da quattro volumi. Non so se il secondo libro è già uscito, ma sono curiosa di leggerlo, perchè potremmo avere le risposte ad alcune domande che sono sorte in questo libro apripista.

 Voto finale
(per i comuni mortali: tre cuori)

4 commenti:

  1. A questo punto sono curiosa di leggerlo.
    Appena ricarico la Post&Pay lo compro subito! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *w* Voglio sapere poi cosa ne pensi! Il prezzo poi è iperconveniente!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...