Ultime recensioni

lunedì 1 giugno 2015

Recensione: Nemmeno in paradiso di Chelsey Philpot

Titolo: Nemmeno in paradiso
Autore: Chelsey Philpot
Editore: DeA
Prezzo: 14.90 € 
Data di uscita: 5 Maggio 2015
Trama: Charlotte Ryder sa già tutto sul conto di Julia Buchanan prima ancora di conoscerla. Prima ancora di doverla ospitare una notte in camera sua, nel dormitorio del St. Anne College. I Buchanan sono il tipo di famiglia che non passa inosservata. Persino la preside Mulcaster è solita interrompere a metà un discorso per guardarli scendere, uno dopo l’altro, dalla loro lussuosa macchina nera. Per i Buchanan frequentare il St. Anne è come vivere in un acquario: tutti sanno tutto di loro. O almeno così crede Charlotte. Ma quello che non si aspetta, arrivando al St. Anne dal lontano New Hampshire, è di poter diventare la migliore amica di Julia Buchanan. Di essere inghiottita nel suo mondo abbagliante, fatto di feste ininterrotte, fiumi di champagne, appuntamenti notturni e incontri segreti. Un mondo in cui all’improvviso anche l’amore sembra a portata di mano. Perché quando Charlotte conosce Sebastian, il fratello di Julia, crede di avere finalmente tutto ciò che ha sempre desiderato. Presto però l’idillio si spezza. E davanti agli occhi di Charlotte si spalanca una tragedia. Un terribile segreto annidato dietro lo sfarzo che illumina le esistenze dei magnifici Buchanan…
Sono in arretrato con le recensioni. Ho deciso di lasciarmi per ultimo I cento colori del blu e dedicarmi a questo libro.
Lo sapevo. Non si può pretendere di non fare dei grossi scivoloni, succede, ma basta sempre rialzarsi. Dopo tre magnifiche uscite la DeA ha finalmente inciampato sulla consueta buccia di banana.
Nemmeno in Paradiso rappresenta il libro del nosense. Se vi aspettavate Una Blair Waldorf con la borsetta di Gucci che dice peste e corna ai molteplici Dan Humphrey accessoriati da Piazza Italia, beh, potete tranquillamente posare il libro e allargare i vostri orizzonti. Lo spazio è infinito. Love is in the air (...e questo che c'entra?!)
Le premesse:
1- Forte amicizia: Amicizia con gli interessi/Amicizia ambigua/Amicizia boh 
2- Amore travolgente: Erano più attivi la Mondaini e Vianello sotto le coperte.
3- Personaggi di carattere: *no comment*
4- Segreti: Fanno più suspance gli intrallazzi a Puente Viejo
L'amicizia tra la squattrinata Chalotte e la ricca Jules nasce così, dopo una vomitata sulle pantofole made in china.
Da quel momento, le due sono inseparabili. Infatti la cara Charlotte si dedicherà solo ed esclusivamente a Julie così da rinunciare alla sua vita sociale. Bella roba. Charlie (si perché d'ora in poi tutti in questa storia avranno dei soprannomi, il nome di battesimo è superato, capito?!) dovrà costantemente stare dietro all'alcolizzata Scricciolo, che purtroppo è da anni che viene nominata a "Sepolti in casi: Rich edition". Scricciolo è ambigua, intraprendente e senza regole, attaccata specialmente al peluche cencioso che si porta a presso tutti i giorni e che potrebbe contenere le peggiori malattie trasmissibili solo a respirarne la stessa aria. 
Entrambe fanno parte di una scuola femminile. Lo so, sentite il radar lesbo nell'aria? Non so perché si scada sempre in questi cliché. E parlo anche di manga yaoi. Sia chiaro, il mio è un pensiero riferito al fatto che quando si hanno istituti maschili o femminili bisogna includere per forza una persona dello stesso sesso attratta dalla medesima. Secondo me è ingiusto. L'amore nasce every where. Non perché costretti dalle circostante. Btw, Jules è interessata a Charlie e fin da subito si vede che la sua ossessione nei suoi confronti non è platonica, ma sentimentale.
Solo che Charlotte, quando conosce il resto della famiglia Buchanan, che ama e adora in tutte le salse, friendzona in due minuti Jules e rimane folgorata da Sebastian, il nuovo astro nascente della politica. Che tutto ha, fuorché carisma, attrattiva, un'interesse. Una noia mortale. L'autrice ha fatto in modo di renderlo scoordinato, goffo, il cosiddetto fascino dello pseudo-nerd ma niente, il nostro Sebastian rimane ai miei occhi un personaggio terziario (secondario era anche troppo, orsù). 
C'è solo una cosa che ovviamente da al libro più sprint. Eh già. Un segreto. Il segreto dei segreti. Perché la famiglia Buchanan, la tipica famiglia da pubblicità della Mulino Bianco in realtà è stata travolta dalla morte della cara mmmm....ehm.... come si chiamava?! Acc.. *ci pensa* via non me la ricordo. Comunque, dalla figlia più grande, morta dopo un'incidente automobilistico in circostanze assai sospette (Lo so che sei in ascolto, cara Fletcher, questo caso è tuo). E all'interno di ciò, qualcosa di maligno, di lugubre, di oscuro, di inimmaginabile. Che dite, lo percepite il pathos?! Vi batte forte il cuore? Avete un po di paura?!
E dietro a feste sontuose (che io mi escludo leggendo di averci partecipato), giornate da baby sitter (perché Jules ha bisogno della balia 24h su 24), un fidanzato che non senti e vedi mai e che ami per il suo..... boh, un'amica stalker e spaventosa, Charlotte scoprirà che la vita vera va affrontata lasciandosi qualcosa alle spalle. End
 Voto finale
(per i comuni mortali: 2/5)

9 commenti:

  1. Oddio nooo! Hai appena distrutto le altissime aspettative che avevo per questo libro! Uffaaaaaa e io che mi aspettavo qualcosa di stratosferico. Leggerò facendo finta di non aver letto questa recensione ahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, sai?! Purtroppo non mi ha soddisfatta e la lettura l'ho trascinata fino alla fine ç_ç

      Elimina
  2. Oh cavolo! Io non avevo delle grandissime aspettative su questo romanzo per questo volevo prima leggere delle recensioni... Lo tengo ancora in wl ma non penso lo acquisterò a breve...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedremo dopo l'avrai letto se i nostri pensieri combaceranno (-;

      Elimina
  3. Ciao Jessica, Ho iniziato questo libro la scorsa settimana e l'ho abbandonato momentaneamente per leggere la mia adorata Armentrout. Ma mi trovi super d'accordo con la tua recensione. Questo romanzo è un grande e grosso fiasco. mi sono imposta di finirlo anche se di solito i libri che non mi piacciono li molli senza voltarmi indietro, ma non se ci riesco...

    Posso farti una domanda che non riguarda la recensione?? Come hai fatto ad inserire la nav bar sottostante che informa sui cookies?? Sai per caso se c'è una guida da qualche parte che spiega come farlo?? Scusa ma non so proprio a chi chiedere... Grazie ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Frency <3
      Vedo che siamo entrambe rimaste deluse da questo libro. Avanti non migliora, anzi, a mio avviso peggiora e il messaggio che manda alla protagonista è fuorviante a mio parere.
      Allora, per la navbar dei cookies mi ha aiutato Ile, puoi copiare la pagina (ho fatto lo stesso, modificando il nome del blog e il tuo+indirizzo mail) e poi seguire questo post: http://www.scuolissima.com/2015/04/aggiungere-barra-consenso-cookie-blogger.html è abbastanza semplice, ma se hai problemi, non esitare!

      Elimina
    2. Se mi dici che peggiora mi sa che passo oltre!!! Peccato perchè la storia poteva essere carina...

      Ti ringrazio tantissimo, ho visto il sito di scuolissima e sembra spiegare tutto, non dovrei aver problemi (le ultime parole famose...) nel caso mi faccio risentire!!!

      Grazie <3 <3

      Elimina
  4. Mi viene ancora da ridere se penso alla nostra discussione al riguardo!!!
    Sta certa che non lo leggerò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahaha poverino, l'ho stroncato senza ritegno!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...