Ultime recensioni

lunedì 23 febbraio 2015

Recensione: Il mare dei mostri. Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo di Rick Riordan

Percy Jackson e gli Dei Dell'Olimpo #2
Titolo: Il mare dei mostri. Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo
Autore: Rick Riordan
Editore: Mondadori
Prezzo: 13.00 € 

Data di uscita: 2011
Trama:
La vita di un semidio a New York non è sempre facile, e quella di Percy Jackson è diventata una vera impresa da quando ha scoperto di essere figlio di Poseidone e deve trascorrere tutte le estati al Campo Mezzosangue, insieme ai suoi simili. Ma ora il campo è in grave pericolo: l'albero magico che lo protegge è stato avvelenato e non riesce più a difenderlo dalle invasioni dei mostri. Solo il Vello d'Oro può salvarlo! Ma è custodito su un'isola da Polifemo, nelle acque tumultuose del Mare dei Mostri. La missione è affidata alla figlia di Ares, ma Percy non può certo restarsene con le mani in mano... anche perché il suo satiro custode Grover è nelle grinfie di Polifemo! Accompagnato dalla fedele Annabeth e dal nuovo amico ciclope Tyson, Percy dovrà intraprendere un viaggio per mare e affrontare le mille insidie che nasconde, dalla maga Circe al canto delle sirene. E come se non bastasse, la profezia dell'Oracolo si complicherà... Chi sarà, tra i figli dei tre Grandi, a tradire gli dei dell'Olimpo?
 
Vorrei fare un grosso applauso a Rick (ormai siamo in confidenza) per essere riuscito anche in questo secondo volume a creare un'avventura indimenticabile. 
Sono quindi tornata con piacere ad immergermi nella vita di Percy, giovane ragazzo che ha scoperto di essere in realtà un semidio, figlio nato dall'unione di un'umana e di un Dio, niente meno che Poseidone, il Dio dei mari. 
In questo secondo appuntamento, Percy tornerà di corsa al campo mezzosangue insieme alla sua amica Annabeth e Tyson, scoprendo che il campo è in piena battaglia. I mostri che dovrebbero in realtà stare al di fuori del confine di protezione stanno attaccando i mezzosangue creando scompiglio e terrore. Scoprirà poi successivamente che l'albero di Talia, nato dal sacrificio della figlia di Zeus in suo onore per proteggere il campo è stato avvelenato e così con esso la sua magia. La vita nel campo è messa in serio pericolo e se l'albero morirà non ci sarà più niente che possa fermare i mostri dall'attaccare i mezzosangue. Ancora più sconcertante sarà che Tyson, un ragazzo timido e vagabondo conosciuto a scuola e suo amico, altri non è che suo fratello, generato da un ciclope e dal Dio dei mari. 
I nostri eroi quindi partiranno alla volta del mare dei mostri alla ricerca del Vello D'oro, che si narra possa curare qualsiasi ferita ma ormai disperso nei secoli. Tramite un collegamento mentale scopre che Grover è tenuto prigioniero da Polifemo e che il Vello è stato rubato dal Ciclope stesso. Si partirà quindi per una nuova avvenutura irta di ostacoli, con il loro ormai ex amico Luke alle calcagna che cercherà di portare in vita il Re dei Titani e mostri che cercheranno di impedire la riuscita dell'Impresa. Niente sembra facile per il giovane Percy, come la famosa profezia che aspetta di essere compiuta al raggiungimento dei suoi sedici anni. 
Questo libro, come il secondo, è stato scritto magnificamente. A tratti ironico, con qualche perla istruttiva e una sfumatura di mistero
Tyson inizialmente timido e introverso in cui spiccica si e no due parole, col passare delle pagine diventerà un formidale compagno di avventura e un sostegno per Percy. Anche se Poseidone non è presente come figura, aiuterà i due ragazzi a conoscersi, mettendo Tyson nel cammino di Percy, e anche se quest'ultimo negherà un vincolo di sangue tra i due, finirà per voler bene e riconoscere il legame che li unisce.

 Voto finale
(per i comuni mortali: quattro punti)

Nessun commento:

Posta un commento